La società - CMB Calciano

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA STORIA DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA

DALLE ORIGINI AI GIORNI NOSTRI

 

I PRIMI ANNI


Il Comprensorio Medio Basento, già Polisportiva Calciano 2002, è una Associazione Sportiva nata nel 2002, che nel corso degli anni ha coinvolto l’intera comunità Calcianese.

Nel corso dei primi anni di vita, la Polisportiva Calciano, composta interamente da calciatori del posto, ha veleggiato fra serie D e serie C2, raccogliendo consensi per il bel gioco e per la sportività mostrata fuori e dentro il campo.

Il punto più alto la squadra lo raggiunge nella stagione sportiva 2006/07 nella quale ottiene la storica promozione in serie C2, con grande tripudio dell’intera comunità.

Dopo 2 stagioni in serie C2, durante le quali si confronta con realtà metropolitane ben più importanti, la squadra fa un mesto ritorno in serie D.

 

Stagione sportiva  2010 – 2011.


Al termine di un percorso iniziato, già da qualche anno, nella serie D Lucana, la Polisportiva Calciano 2002 vince sia il campionato che la coppa di categoria.

E’ un percorso travolgente quello della Polisportiva, che termina il campionato con una sola sconfitta ed un pareggio, vincendo il resto delle gare, allo stesso tempo vince tutte le partite di coppa disputate.

Accesa antagonista è il Nova Siri che, purtroppo, è costretto a soccombere, sia in campionato che nella finale di coppa, sebbene infligga alla compagine calcianese l’unica sconfitta stagionale.

A dimostrazione dei valori espressi dalla squadra e del comportamento tenuto in campo, la società vince anche la coppa disciplina, per la correttezza in campo.

La forza di quella squadra è costituita da un gruppo coeso, che condivide la vita quotidiana oltre che la vita sportiva; grande merito al capitano-mister Rocco Scarcella, ma anche al portiere-rivelazione Dininno, al bomber Nicola Innella, al Veterano ma sempre validissimo Massimo Innella, ai centrali difensivi Grieco e Rocco Auletta , Enzo Atlante ed a tanti ragazzi in tenera età, facenti parte attiva del gruppo.

Unico neo, rispetto alla prima promozione, è la lontananza e la freddezza della comunità nei confronti della squadra.

 

Stagione sportiva 2011 – 2012


La promozione in serie C2, porta rinnovato entusiasmo, ma la stagione nasce con la partenza, per motivi di studio e di lavoro,  di due elementi costituenti l’asse portante della squadra che aveva vinto il campionato di serie D, ovvero Innella e Rocco Auletta.

Per disputare un dignitoso campionato di serie C2, vista la mancanza di ragazzi nella piccola comunità calcianese, vengono tesserati alcuni ragazzi di Grassano, fra cui Nicola Bochicchio, Carlo Grippo e Francesco Mercadante.

Dopo un iniziale periodo, necessario a costituire un gruppo coeso, la squadra inanella diversi risultati positivi consecutivi, chiudendo la stagione con uno splendido  6° posto finale, dietro solo a corazzate di realtà regionali ben più importanti.

Alla fine della stagione il bomber Bochicchio si distingue per il bottino di gol che contribuiscono a raggiungere questo risultato insperato; ma nello stesso tempo è sempre il gruppo coeso che merita un plauso.

 

Stagione sportiva 2012 - 2013


La stagione 2012-2013 risulterà, con il senno del poi, quella della fine di un ciclo.

Lo scarso interesse ed entusiasmo dei giovani calciatori calcianesi mettono in dubbio persino l’iscrizione al campionato e, soltanto l’entusiasmo e l’impegno dei veterani Innella Massimo e Scarcella Rocco, spingono il presidente Rocco Auletta ad iscrivere la squadra (senza sponsor da diversi anni).

Viene tesserato il mister Gianni Malvinni, tesserato fra gli under anche il piccolo Simone D’Anzi, ma nello stesso tempo si deve registrare l’assenza del bomber Bochicchio che per problemi fisici ad un ginocchio sarà costretto a saltare l’intera stagione.

Il campionato si rivelerà un calvario per la Polisportiva, che chiude il girone d’andata all’ultimo posto della graduatoria; durante il girone d’andata, nonostante il lavoro egregio ed il massimo impegno da parte del Mister Malvinni, diversi calciatori calcianesi abbandonano la squadra, alcuni senza nemmeno preavvisare, con la conseguenza che in alcune partite il mister si ritrova  persino  nella difficoltà di mettere  in campo il numero necessario di giocatori per poter disputare la partita.

Nonostante tutto, il tesseramento di Di Stefano Nicola, durante il mercato invernale, le 45 reti di Massimo Innella, il sacrificio di Scarcella Rocco, Grippo Carlo, Mercadante  Francesco e di Giuseppe Mazzarone, permettono alla squadra di raggiungere la salvezza all’ultima giornata di campionato, battendo la Essedipsort Venosa, già vincitrice del campionato e matematicamente in serie C1.

Plauso particolare in quella stagione al Mister Malvinni che, in alcune gare, in mancanza del portiere Mercadante, occupava persino il ruolo di portiere, a dimostrazione di quando la passione viene anteposta a qualsiasi altro interesse.   

 

Stagione sportiva 2013-2014


In considerazione di quanto accaduto nella stagione sportiva precedente, con il ritiro di quasi tutti i calciatori calcianesi, e la sola disponibilità dei “soliti” Innella Massimo, Scarcella Rocco a cui si aggiungeva Innella Antonio, che comunque non avrebbe giocato una sola partita in stagione, toccava al presidente Auletta decidere se sciogliere il sodalizio, oppure intraprendere un percorso più ambizioso a livello comprensoriale.

La risposta affermativa da parte di alcuni sponsor, la disponibilità data dal bomber Armento ma anche da parte di diversi calciatori di Grassano, di ottima levatura, che avevano già partecipato a campionati di serie C1, facevano pendere la bilancia dalla parte di un progetto ambizioso a livello di Comprensorio.

La squadra così costruita si presentava ai nastri di partenza del campionato, agli ordini del Mister Malvinni, fra le pretendenti alla vittoria finale.

Dopo le prime partite di campionato giocate alla Tensostruttura di Calciano, si presentava una problematica rilevante, ovvero la valutazione per motivi economici e tecnici se utilizzare la struttura Calcianese oppure quella del Palasport di Grassano.

Considerando che, la maggior parte degli atleti erano di Grassano e che l’elevata qualità della rosa necessitava di spazi più ampi per meglio esprimere le potenzialità di abili palleggiatori, seppur a malincuore, la scelta ricadeva per l’utilizzo del Palasport di Grassano.

Il campionato, dopo un periodo iniziale di sbandamento, procedeva con risultati roboanti (vittorie anche per 10 reti di scarto), ma con sconfitte, seppur di misura, in alcuni scontri diretti.

Tutto ciò faceva si che, nonostante la complessiva buona stagione della squadra, la stessa chiudeva il campionato al 3° posto, mentre la promozione nella serie superiore era riservata alle prime due classificate.

 

Stagione sportiva 2014-2015


Le ambizioni per la stagione 2014 – 2015, restavano immutate.

Il percorso intrapreso nella stagione precedente a livello comprensoriale proseguiva, infatti la denominazione sociale dell’Associazione variava in Comprensorio Medio Basento Calciano.

La rosa, nonostante la partenza di Armento, veniva rinforzata con il ritorno del bomber Nicola Bochicchio, da tre calciatori di Maschito, Coscia, Cuviello e Ricchiuti, già protagonisti nella stagione precedente nelle fila del Maschito, oltre che da Giuseppe Calluso e Angelo Denisi.

Fra i rappresentanti del paese di origine dell’Associazione, decideva, dopo tanti anni, di abbandonare la scena Massimo Innella, meritevole di un plauso per tutto ciò che  è riuscito a dare alla Squadra, per serietà, abnegazione e valori tecnici.

Ai nastri di partenza del campionato, fra i “calcianesi” oltre al veterano capitano Scarcella, si aggiungevano Loguercio Antonio e l’under Antonello Caprara.

La restante parte della rosa, che con la loro serietà, passione e valori tecnici, avevano contribuito in maniera determinante al raggiungimento del 3° posto finale nella stagione precedente, veniva confermato in blocco.


L’augurio è di poter continuare a scrivere belle pagine di sport ad iniziare dalla stagione corrente.

p.s. ci si scusa per eventuali dimenticanze nella citazione di persone  

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu